emoriale delle vittime dell'emarginazione sociale  (*)

stampa
  
Questo MEMORIALE è stato predisposto allo scopo di segnalare sia le condizioni di vita negli anni ’60 delle persone in gravi difficoltà socio-economiche, in particolare quelle non autosufficienti e quindi definitivamente e totalmente impossibilitate ad autotutelarsi (come può capitare ad ognuno di noi e dei nostri cari anche da un momento all’altro), sia di fornire informazioni documentate in merito alle situazioni culturali ed operative di quel periodo.

   Dalla relativa documentazione si possono valutare i risultati raggiunti dal 1962 al 2020 dal volontariato dei diritti, introdotto nel nostro Paese dall’Anfaa, Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie, e base delle attività svolte successivamente (1965) dall’Ulces, Unione per la lotta contro l’emarginazione sociale, dal Csa (Coordinamento sanità e assistenza fra i movimenti di base) e dalle relative organizzazioni aderenti e dalla Fondazione promozione sociale onlus, operante dal 2003 .

Argomenti trattati:

A. Caratteristiche salienti del settore dell’assistenza sociale negli anni ’60

B. Persone con disabilità: l’allarmante situazione a partire dagli anni ’60

C. Anni ’70, anziani malati cronici non autosufficienti e persone con demenza senile: crudele ed estesa negazione dei vigenti diritti costituzionali e legislativi


D. Ipab: sottratti ai poveri cinquanta miliardi di patrimoni ed i relativi redditi


E. Norme vigenti sulla povertà assoluta: spesso negate le vitali esigenze dei poveri veri e una cuccagna per numerosi abbienti


F. Servizio sanitario nazionale: miliardi illegittimamente sottratti ai malati, sprechi insensati, regali anche milionari a coloro che provocano infortuni e malattie


G. Omicidi/suicidi e maltrattamenti


H. La sconcertante vicenda del villaggio del subnormale di Rivarolo (Torino), ora Comunità La Torre


I.  Pubblicazioni su adozione, disabili, emarginazione, infermi cronici non autosufficienti: situazione esistente e proposte


APPENDICE: DIFFERENZE TRA VOLONTARIATO DEI DIRITTI e VOLONTARIATO CONSOLATORIO



(*) Documentazione predisposta dalla Fondazione Promozione sociale onlus, Torino, Ottobre 2020

Nota -  Mentre è in corso la predisposizione del documento relativo alla elencazione dei principali risultati positivi del volontariato dei diritti, si può consultare l’articolo “Scopi, attività e risultati conseguiti dal 1962 dal volontariato dei diritti”, pubblicato sul n. 204, 2018 di “Prospettive assistenziali”.

www.fondazionepromozionesociale.it